Il Conte di Capracotta nella storia sudamericana

 

Discendente dei Capracoteses, Antonio Virgilio Castiglione, lancia il suo nuova libro: Historia de Santiago del Estero – Muy Noble Ciudad (S. XVI a XVIII) (storia di Santiago del Estero, ndt.) in cui racconta  storia di Capracotta e la conquista:
Caracciolo, Carmine Nicola (Napoli, 1671  –  Madrid, 1726): fu il primo viceré di Spagna italiano. Apparteneva ad una antica famiglia nobile di Spagna, e tra i vari titoli era un principe del Sacro Romano Impero, principe di Santbuono e Conte di Capracotta.  Era un uomo colto di lettere che in precedenza aveva servito come ambasciatore straordinario a Roma (al Papa) e alla Repubblica di Venezia (1702), inviato dal re Filippo V di Spagna. La sua prima moglie, Donna Giovanna Costanza Ruffo, morì in Perù durante il mandato di viceré.
Il nostro interesse personale e familiare, ci ha condotto ad analizzare approfonditamente questa figura, perchè nel 1597, la famiglia del viceré, attraverso il matrimonio, acquisì il feudo di Capracotta.
In questo paesino (divenuto italiano) ai confini del regno di Napoli, vivevano non solo i nostri avi – la famiglia dell’autore del libro -, ma anche quelli di tanti emigrati a Santiago del Estero alla fine del XIX secolo, che hanno dato origine alle odierne famiglie di Santiago: Bilotti, Borsellino, Bucci (Di Bucci), Carmosino, Carugno, Castiglione, Conti, Di Luezzo, Di Lullo, Di Nardo, Di Nucci, Di Rienzo, Di Tella, Di Tano, Gargaro, Gianserra, Giuliano, Griffa, Ingratta, Yocca (Iocca), Labate, Maranzano, Matteo, Paglione, Palumbo, Paoletti, Pettinicchi, Pollice, Quatrini, Santilli, Speciale, Terrera, Trotta y Yanucci. Molte di di queste si stabilirono a Villa Zanjón, erano agricoltori e coltivavano canna da zucchero e uva.

Per acquistare il libro contattare la  Libreria García Cambeiro, Buenos Aires all’indirizzo e-mail [email protected].

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *